MOTORI DI RICERCA

Pensato per


→ Imprese

→ Agenzie

→ Liberi professionisti


Obiettivo


→ alto posizionamento nei risultati di ricerca

→ farsi trovare nel momento giusto

→ essere nei paraggi in caso di necessità


Quando un utente è in cerca di un servizio , un prodotto etc..., l'azione che compie è quello di digitare ciò che cerca in un motore di ricerca ed è importante farsi trovare subito.


I motori di ricerca sono dei sistemi automatici i quali ad una precisa richiesta di un utente danno come risposta in tempo reale un elenco di pagine web pertinenti alla ricerca come : immagini, video e altre tipologie di file , in altre parole una serie di informazioni organizzate per rilevanza sulla base di opportuni indici.


Il risultato di ricerca è un elenco chiamato SERP (search engine results page) ,una lista pagine web in cui trovi informazioni quanto più pertinenti e attinenti alla tua ricerca


Il search engine marketing (SEM), anche detto search marketing, è l’insieme delle attività di web marketing svolte per aumentare la visibilità e la rintracciabilità di un sito web con l'uso dei motori di ricerca. Oltre a mettere in pratica diverse strategie di web marketing, come ad esempio la differenziazione nei motori di ricerca, è finalizzato anche alla valutazione dei ritorni derivanti dalle singole azioni di marketing con l'utilizzo degli strumenti di Analisi.



L'obiettivo di una campagna SEM è dunque permettere ad un sito di “scalare la SERP” ovvero ottenere visibilità sui motori di ricerca raggiungendo le prime posizioni.



Crea la mappa del percorso del cliente


Dal percorso della vita al percorso di acquisto


In che modo i tuoi obiettivi commerciali si collegano ai tuoi obiettivi di marketing?

La prima cosa da fare è definire quali, tra i tuoi obiettivi commerciali, hanno attinenza con il marketing. Prendiamo dunque in esame i tre obiettivi commerciali principali, ovvero profitto , entrate e volume , e vediamo come possono essere adottando opportune strategie di marketing.


Successivamente, daremo uno sguardo al misterioso "percorso del cliente".


Ripasso degli obiettivi commerciali

Profitto: l'attività di marketing presuppone un investimento e ogni investimento viene classificato inizialmente come un costo, che in quanto tale va a ridurre il profitto. Tuttavia, un'attività di marketing gestita sapientemente si traduce in un aumento delle vendite e, di conseguenza, in entrate e profitto.

Entra : un'azienda può aumentare le vendite acquisendo nuovi clienti oppure facendo crescere l'importo speso dai clienti esistenti.

Volume: le aziende intenzionate ad aumentare il volume delle vendite oppure ridurre i costi per aumentare le vendite utilizzare una serie di tattiche finalizzate ad aumentare la domanda.

In tutte le situazioni le illustri sopra, l'obiettivo è spingere i clienti ad acquistare qualcosa. Ciò significa che devi posizionarti il ​​percorso che porta il cliente ad acquistare (cui si fa riferimento anche con i termini "canalizzazione di marketing" o "percorso del cliente"), in un punto in cui puoi decidere lungo la sua decisione d'acquisto.


Attenzione: ottica di lungo termine cercasi

Per far sì che i potenziali acquirenti diventino clienti in futuro, devi creare brand awareness e percezioni positive oggi. Per misurare la forza del brand, si fa ricorso normalmente a dei "tracker di brand, di monitoraggio" che, dopo aver individuato utenti li al profilo del cliente desiderato, invitano a partecipare a un sondaggio con domande del tipo:

  • Conosci un marchio particolare?

  • Quale marca preferisci in questa categoria?

  • Cosa ti viene in mente quando pensi a un particolare brand?

Ora che hai compreso in che modo il marketing può incidere sugli obiettivi commerciali, mettiamoci nei panni del cliente.


Tieni in esame il percorso del cliente

La funzione principale del marketing è far entrare in contatto le persone giuste con il prodotto giusto, mostrando loro i messaggi giusti nel momento più opportuno. Ciò si riduce, in sostanza, a seguire un potenziale cliente lungo il suo percorso di acquisto per comunicargli le idee più appropriate in base ai suoi interessi.


Assicurati che gli utenti richiedono una conoscenza dell'esistenza della tua azienda oppure del tuo prodotto o.


Rivolgiti a gli utenti che corrispondono al profilo dei clienti desiderati in base a caratteristiche quali l'età, il sesso di appartenenza, gli interessi ei comportamenti.


Fai in modo che gli utenti pensino al tuo brand o manifestino interesse nei suoi confronti.



Rivolgiti a tutti gli utenti che corrispondono al profilo dei clienti desiderati e che hanno manifestato un certo interesse nei confronti del prodotto o della categoria di prodotti che hai pubblicizzato.


Spingi gli utenti a compiere un'azione, ad esempio effettuare un acquisto.




Rivolgiti a tutti gli utenti che hanno manifestato un forte interesse nei confronti del marchio o del prodotto pubblicizzato.


Fai in modo che i clienti vogliano fare altri acquisti o promuovere la tua azienda.




Rivolgiti ai clienti attuali .


Il percorso in quattro fasi illustrato sopra funziona per gran parte delle aziende. Alcune, però, potrebbero offrirne una versione diversa. Una compagnia aerea, ad esempio, potrebbe includere un segmento pre-viaggio e uno post-viaggio. È importante valutare in quale fase del percorso del cliente si trova al momento il tuo pubblico.


Ad esempio, non si può pretendere che un annuncio concepito per creare brand awareness tra chi ancora non conosce il tuo brand allo scopo di fare un'opinione spinga immediatamente le persone a effettuare un acquisto. Potrebbe essere annunci necessari, infatti, più successivi (una prassi nota come "sequenza") per fornire motivazioni sufficienti ad acquistare il prodotto. Il segreto è costruire un rapporto di fiducia.


In compenso, degli concepiti per invogliare all'acquisto potrebbe non risultare efficace per aiutare le persone a farsi un'opinione del marchio o migliorare il livello di qualità percepito.



Mappa del percorso del cliente

Se riesci a dare una rispondi a ciascuna delle seguenti domande in tre frasi al massimo sei pronto a impostare un percorso per i tuoi clienti :

  • Consapevolezza: come descriveresti la tua azienda a qualcuno che non ne ha mai parlare?

  • Considerazione: come descriveresti il ​​tuo prodotto (o servizio) a qualcuno che ha parlare della tua azienda, ma non sa esattamente cosa offre?

  • Acquisto: perché qualcuno dovrebbe scegliere il tuo prodotto (o servizio) invece di quello di un concorrente? Cosa rende speciale?

  • Fedeltà: come puoi approfondire il tuo rapporto con i clienti o incentivarli a promuovere la tua azienda?


Sviluppiamo un obiettivo per i media

Mettiamo che tu venda fari a led per auto o moto e abbia l'intenzione di venderne di più per una modello auto in particolare che ti da più margine. Ti concentri sulla parte della canalizzazione legata alla "considerazione". Sai che i tuoi fari a led sono veramente più luminosi della concorrenza , perciò decidi di sfruttare il marketing per i motori di ricerca non solo SEO in modo che i tuoi annunci visualizzati quando gli utenti cercano su google "kit led bmw".

'' in questo caso l'azienda che esce in prima posizione è www.ccar.it non a caso un nostro cliente ''

La creazione di questa campagna potrebbe sfociare in un bel po' di metriche, tra cui:

  • Il numero di volte in cui il tuo annuncio viene visualizzato

  • Il numero di utenti che hanno fatto clic sull'annuncio

  • Il costo del numero totale di clic

  • Il numero di utenti che sono soffermati sulla pagina

  • Il numero di utenti che hanno aggiunto una lampada led al carrello


Perché stai concentrando la tua attenzione sulla considerazione, hai stabilito che il tuo obiettivo sarà il numero di utenti che fanno clic per visitare la pagina. A tuo avviso, è questo infatti l'indicatore che rispecchia meglio l'opinione che gli utenti hanno nei confronti delle tue magliette. Decidi quindi che il tuo obiettivo o KPI sarà quello di aumentare i click-through per le magliette di 10.000 nel prossimo corso del mese. Adesso che hai le idee chiare sul tuo obiettivo, tutti gli altri numeri diventano metriche.


Un obiettivo alla volta

È opportuno scegliere un obiettivo per ogni fase del percorso del cliente. In ciascuna fase, infatti, si punta a ottenere un risultato specifico. Inoltre, definire un singolo obiettivo aiuta a stabilire con maggiore certezza se l'esito di una campagna è stato positivo o negativo. Se gli obiettivi sono dovuti, ma vengono registrati risultati ottimali solo in relazione a uno, può essere difficile valutare con precisione il rendimento complessivo della campagna pubblicitaria.

Di seguito trovi di seguito un elenco di servizi per creare i tuoi obiettivi di marketing.


Consapevolezza

  • Consapevolezza del marchio

  • Ricordo del marchio

  • In cima alla mente


Considerazione

  • Preferenza del marchio

  • Scelta del marchio

  • Associazione al marchio

  • Apprezzamento del marchio

  • Intenzione di acquisto


Acquisto

  • Nuovi clienti

  • Transazioni

  • Volume medio degli ordini

  • Ritorno sull'investimento

  • Ritorno sulla spesa pubblicitaria

  • Costo del venduto

  • Costo per azione


Fedeltà

  • Riacquisto

  • Upsell

  • Referral dei clienti


Cosa fare se un obiettivo non è misurabile?

Può capitare che un obiettivo ideale non misurabile, ad esempio una causa di imputabili alla quantità di dati disponibili, al monitoraggio o di analisi. In questi casi, il comportamento consigliato è quello di definire, tra le metriche disponibili, quella più attinente all'obiettivo auspicato o con un impatto compromesso sul tuo obiettivo.


A questo punto, conviene utilizzare questa metrica come "proxy" (si parla anche di KPI proxy) quando si cercano soluzioni per misurare in maniera efficace il rendimento della campagna. Ad esempio, se esercita non è possibile misurare l'impatto da una campagna sulla considerazione del brand, scegliere come proxy l'aumento delle ricerche relative al nome del brand.




Come faccio a raggiungere un obiettivo di rendimento realistico?

Ottima domanda. Un modo per farlo è prendere come riferimento il rendimento registrato in passato. In assenza di benchmark specifici della tua attività, nulla vieta di prendere in esame i benchmark del settore. Tuttavia, non è sempre possibile avere a disposizione dei benchmark.

Quasi tutte le piattaforme multimediali sono in grado di condividere dei benchmark per le proprie metriche relative ai media. Esaminarli dovrebbe consentirti di acquisire un quadro dettagliato della situazione vissuta dagli altri brand che operano nello stesso settore e mercato. Se la tua piattaforma multimediale non dispone di benchmark, prova a cercarli online. Ad esempio, un'azienda di e-commerce potrebbe cercare "benchmark e-commerce 2019".

I benchmark relativi alle metriche sono utili per comprendere il rendimento previsto per gli annunci di uno specifico canale e definire gli eventuali errori commessi in fase di esecuzione. Ad esempio, se un settore presenta una percentuale di completamento video pari al 55% di un annuncio da 15 secondi, ma la tua percentuale di completamento meno video è indicativo che gli spettatori trovano il tuo annuncio rispetto al 25% a quelli della concorrenza. Non è una ragione per prendere dal panico, quanto piuttosto l'occasione per sperimentare nuove idee creative. In fin dei conti, che puoi aspettarti dal tuo annuncio se il pubblico non lo guarda?